lunedì 6 luglio 2009

NO G8!
Come antimondialisti, le nostre posizioni sono 100% NO G8, sia esso G8, G20, Gqualsiasicosa. Possono cambiare il nome, ma la sostanza non cambia!
Le politiche di cui si fa portatore il sistema basato sulla diarchia globalizzazione economica-summit internazionali sono costruite ad arte per far si che i ricchi (ormai apolidi) globali, siano essi statunitensi, europei, arabi, russi o cinesi, comunisti o ex, socialisti a parole o turbo-capitalisti, continuino a guadagnare senza limiti, in un crescendo di avidità, ineguaglianze, disparità, discriminazioni e ingiustizie sociali.
E mentre una casta ristretta di privilegiati super-ricchi vive nello spreco senza limiti, una fetta crescente di popolazione europea scivola sempre di più verso precarietà, indigenza, mancanza di lavoro, assenza di ogni garanzia per il futuro. Questa è la globalizzazione!

In uno scenario da incubo come questo, bisogna PRENDERE POSIZIONI CHIARE e FARE SCELTE COERENTI.
Basta quindi con le organizzazioni internazionali (durante il G8/G20 all’Aquila si riuniscono pure i vertici del WTO, del FMI, della Banca mondiale e altri organismi del Governo Mondiale, eletti da nessuno ma in grado di decidere per tutti!), con le politiche capitaliste-mondialiste, con il Pensiero Unico Globale, con lo sviluppo insensato che sta distruggendo la Terra.
Riprendiamoci il Futuro! Il Mondo non deve diventare il luna park dei ricchi!

NO AL DOMINIO GLOBALE!
NO AL MONDO RIDOTTO AD UN GROSSO SUPERMARKET!

3 commenti:

Cioara Andrei ha detto...

Foarte interesat subiectul postat de tine, m-am uitat pe blogul tau si imi place ce am vazu am sa mai revin cu siguranta.
O zi buna!

Anonimo Nero ha detto...

Salve.
Proprio oggi ho aperto il mio blog http://autonomianera.blogspot.com

Oltre ad invitarti a scambiarci i link, vorrei sapere di più sul movimento di Autonomia Nazionalista.
Fammi sapere.

AUTONAZ ha detto...

Ottimo post, ho scoperto solo in questi giorni, lo confesso, Autonomia Nazionale, e trovo che sia una cosa molto interessante sopratutto se confrontata con il polveroso e superato mondo della galassia neofascista.